Papa alla veglia di Pentecoste: con lo Spirito ascoltiamo grido di chi soffre

Celebrando la Messa Vespertina della vigilia di Pentecoste, Francesco spiega come con lo Spirito Santo il Signore ci prenda per mano e ci faccia udire il gemito di chi ha bisogno di salvezza, soprattutto a Roma. Poi prega affinché la Chiesa segua strade che vengano dallo Spirito e non puramente funzionalistiche

Giada Aquilino – Città del Vaticano

Di fronte alle nostre “costruzioni” che si “illudono” di toccare il cielo, solo lo Spirito Santo che “irrompe” nel mondo dal “grembo” di Dio “fa nuove tutte le cose”: lasciamoci “prendere per mano” dallo Spirito per farci portare “in mezzo al cuore della città”, Roma e quelle del “creato intero”, “per ascoltarne il grido, il gemito”, le sofferenze e i sogni. Questa la riflessione di Papa Francesco nell’omelia della Santa Messa Vespertina nella vigilia di Pentecoste, celebrata sul Sagrato della Basilica Vaticana, dove si sono raccolte 50 mila persone: i fedeli della diocesi di Roma, i partecipanti alla Conferenza internazionale dei Carismatici, ricevuti in mattinata dal Pontefice, e i membri di tante realtà ecclesiali (Ascolta il servizio con la voce del Papa).

Progetti al servizio dell’io

Oggi, “come in ogni tempo”, nota il Papa riferendosi alla Prima Lettura dal libro della Genesi, c’è chi cerca di costruire “una città e una torre che arrivi fino al cielo”.

Sono i progetti umani, anche i nostri progetti, fatti al servizio di un “io” sempre più grande, verso un cielo dove non c’è più spazio per Dio. Dio ci lascia fare per un po’, in modo da farci sperimentare fino a che punto di male e di tristezza siamo capaci di arrivare senza di Lui… Ma lo Spirito del Cristo, Signore della storia, non vede l’ora di buttare all’aria tutto, per farci ricominciare!

(Fonte: vaticannews.it)

Pubblicato in News

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

PRIVACY E COOKIES